Aiutiamo la famiglia di EDUARD E MARLENA

La famiglia Antuca abita nella provincia di Bacău ed è composta de sei membri: papà Eduard, mamma Marlena, Denisa di 12 anni, Andrei di 8 anni e due gemelle Ana Maria e Elena di 3 anni. Attualmente abitano in una piccola casa, proprietà della nonna paterna in uno stato avanzato di degrado. Il tetto sta per crollare e piove dentro. Abitano in una sola stanza che serve come dormitorio e cucina. In casa non hanno la corrente elettrica!

I parenti della famiglia stanno per demolire la casa dove vivono adesso: hanno già ottenuto l’autorizzazione di demolizione dal Comune ed è questione di qualche settimana.

Eduard è ammalato, motivo per il quale non può lavorare e non riceve nessuna pensione dallo stato. Tutte e due i genitori sono limitati dal punto di vista intellettivo, ma i bambini sono normali. Denisa e il fratello Andrei hanno subito un intervento agli occhi che, fortunatamente è andato bene.

La famiglia si mantiene con il sussidio statale dei bambini in tutto 150 euro mensili. Alle richieste di aiuto fatte in Comune per trovare un posto per la famiglia, hanno ricevuto solo risposte negative, non esistendoci terreni di proprietà pubblica da poter destinare all’uso sociale.

Le suore Figlie di S. Maria della Provvidenza, hanno preso Denisa in casa loro a Iași per poterle offrire la possibilità di continuare gli studi in un ambiente decente, ma rimangono gli altri tre bambini ed i genitori.

Stiamo cercando di individuare delle possibili soluzioni, per poter acquistare un piccolo terreno e costruire una casetta, modesta ma sicura, per offrire un po’ di dignità a questa famiglia. Osiamo chiedere anche a voi di prendere in considerazione la possibilità di offrire, per questa famiglia, un piccolo aiuto.

Il costo preventivato è stato da noi calcolato in 15.000 €.

Confidiamo nel vostro aiuto per sostenere questo progetto che ridà dignità e protezione a questa famiglia.

Aiutiamo la famiglia di NORBI E LEONTINA

A Pesceana, c’è  una famiglia con 4 bambini: papà Norbi, mamma Leontina, Matei di anni 12,  Irma di anni 10, Tobi di anni 9 e Florin di anni 7.
Lo scorso mese di ottobre la loro casa e bruciata e loro non hanno più niente.
La casa ha preso fuoco per un corto circuito, dovuto ad un impianto vecchissimo e malfatto.

Ora vivono in due piccole stanze insalubri. Queste le usavano come magazzino per alcuni attrezzi agricoli e per il fieno.

Vivono li perché non hanno altra possibilità. Il pavimento è fatto di terra battuta. Le porte e le finestre non hanno vetri ma solo cellophane, immaginatevi il freddo dell’inverno che sta per terminare, spesso con – 18 gradi!!!

Il letto è improvvisato, fatto con assi di legno. Non hanno una cucina, solo un fuoco che serve per cucinare e riscaldare.

Per sistemare decentemente queste due stanze, ricavandone una cucina e una camera ci sono da fare queste spese:

  • 3 porte= 600 euro;
  • 3 finestre= 450 euro;
  • pavimento= 700 euro
  • fornello e bombola= 350 euro
  • frigorifero = 300 euro
  • 3 divani letto= 800 euro
  • 1 tavolo e 6  sedie = 100 euro
  • 1 armadio = 250 euro
  • mobili da cucina e ustensili = 500 euro
  • 1 stufa= 350 eurototale: 4.400 euro

Grazie fin da ora per quello che potrete fare per questa povera famiglia che ha perso tutto nell’incendio e ora vivono in un fienile.

Aiutiamo la famiglia di ANDREI E CORINA

La famiglia di Andrei è composta da lui e sua moglie Corina, ambedue con problemi di ritardo mentale e da 4 bambini piccoli: Toni di anni 8, Ana di anni 6, Erny di anni 4 e la piccola Mariana di mesi 11.

Vivono in una casa che, letteralmente, cade loro in testa, casa che non è di loro proprietà e dalla quale dovranno andarsene al più presto in quanto non ha l’agibilità richiesta dalla legge.

Il paese dove vivono è nella provincia di Bacau: un centro rurale piuttosto disagiato e con parecchi casi sociali.

Le autorità locali non hanno dato molta disponibilità per trovare una soluzione. Si è cercato già di trovare un’abitazione da acquistare, perché è importante non allontanare la famiglia dal proprio contesto sociale, in quanto questi due genitori, così limitati dal punto di vista intellettivo, difficilmente riuscirebbero ad integrarsi in un altro contesto.

Abbiamo individuato però una minuscola casetta, due stanze in tutto con una piccola veranda, che opportunamente sistemata può fungere da cucina, Ha bisogno di essere sistemata e poi arredata. Il costo si aggira intorno ai 10.000 €.

Care benefattrici e cari benefattori, come vedete non è una spesa eccessiva, confidiamo ancora una volta nella vostra generosità, per dare una casetta dignitosa a questa famiglia sfortunata e povera.

Sostenere le famiglie bisognose

E’ molto importante sostenere queste famiglie bisognose, qui ne abbiamo presentato tre, ma sono molte di più quelle che si rivolgono alle Caritas diocesane per avere un aiuto. Noi, col vostro aiuto,  cercheremo di aiutarle.

É importante sostenerle perché è la famiglia l’ambiente naturale per la crescita e l’educazione dei figli. È importante l’aiuto alle famiglie, perché non siano tentate, nei casi più disperati, di abbandonare i figli nell’orfanotrofio statale. L’aiuto alle famiglie è importante anche per prevenire l’abbandono scolastico.

AIUTIAMO LE FAMIGLIE POVERE DELLA ROMANIA – APRILE 2018

Se hai intenzione di sostenere questo progetto nel suo ideale, con una donazione libera, allora lo puoi fare compilando il form che trovi dopo aver cliccato il tasto "Dona ora". Ricorda sempre di inserire tutti i dati richiesti.

Informazioni personali

Donazione totale: €1.00

Seconda proposta:
un’offerta libera, anche se modesta. Una goccia, ma aiutateci; tante gocce sono preziose agli occhi del Signore, perché spesso vengono offerte da chi non può dare di più.

Terza proposta:
Adottare una famiglia povera per un anno euro 120,00, rata mensile euro 10,00.

Quarta proposta:
Benefattore distinto: euro 500. Verrà inviato Attestato su pergamena di benefattore distinto.
Benefattore insigne: euro 1.000. Verrà inviato Attestato su pergamena di benefattore insigne.

Per tutti i benefattori il ricordo nella preghiera.

Ringrazio di cuore e porgo volentieri i più cordiali saluti.

 

Don Alfredo Savoldi
Presidente Associazione Chiese dell’est ONLUS

Related Projects

Start typing and press Enter to search